Figlia disabile pestata dai genitori

La figlia disabile pestata dai genitori fino a spedirla in Ospedale. Questo è quello che facevano due coniugi egiziani alla loro figlia solo perché disabile. Oltre alle botte anche offese pesanti, la chiamavano “Scimmia“, come riporta Tgcom24 , a metà maggio sono iniziate le indagini quando il padre porta in ospedale la piccola per una caduta dal divano (secondo il padre) che le avrebbe causato una contusione al braccio. Le radiografie fanno però emergere l’orrore, che i coniugi egiziani hanno fatto alla piccola; una frattura scomposta con calcificazione già in corso che risale a circa un mese fa.

I medici hanno segnalato il fatto: la figlia disabile pestata dai genitori

I medici hanno segnalato il fatto alla polizia locale di Milano (all’Unità tutela donne e minori). La Polizia ha provveduto a intercettare le comunicazioni tra i coniugi scoprendo cosa avevano in mente di fare. Tra le intercettazioni emergono frasi inquietanti come:”La scimmia è un grosso problema per noi“.  In altre conversazioni avrebbero detto di soffocarla, annegarla o avvelenarla. I due fermati venerdì stavano per salire assieme agli altri quattro figli su un autobus per raggiungere l’aeroporto di Malpensa. Forse volevano scappare in Egitto con un biglietto di sola andata.

Gli investigatori hanno dei dubbi, che prima della segnalazione dell’Ospedale Fatebenefratelli nessuno si sia mai accorto di nulla. Poiché la bimba andava a scuola in maniera regolare non è mai emerso lo scempio. In altre parole stanno indagando per far maggior chiarezza, per capire anche se gli altri figli sono stati soggetto di violenza e maltrattamenti e se qualcuno ha visto o sentito ma ha taciuto.

Tutti ci chiediamo come può essere che una figlia disabile venga pestata brutalmente dai propri genitori? Inoltre l’odio profondo che essi provano per lei emerge dalle conversazioni, come può esistere tanta crudeltà?

Segui tutte le notizie di Cronaca

Fonte articolo Tgcom24 e ilGiornale.it
Parte delle immagini tratte da Freepik.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS
Follow by Email
Facebook
Twitter
YouTube
LinkedIn
Instagram