Vittoria sudata di Hamilton a Monaco

La vittoria sudata di Hamilton a Monaco è stata tale solo per un azzardo di cambio gomme. Lewis si fa la maggior parte della gara con medie, questo non gli permette di marciare in solitudine e si ritrova ad avere incollato Verstappen e poco dietro Vettel con le Hard. Tutto fa presagire a chissà che colpi di scena da metà gara in poi, invece nulla di tutto ciò. Pur sapendo che il pilota inglese si lamentava continuamente con i box per via delle gomme nessuno ne ha approfittato significativamente.

Verstappen resta si incollato, ma inizia ad attaccare solo a dieci giri dalla fine e Vettel fa da spettatore sicuro di arrivare secondo posto per via di una penalità inflitta a Verstappen di 5 secondi; ai box durante il cambio gomme taglia la strada a Bottas toccandolo, questo gli ha fatto prendere la penalità.

A qualche giro dalla fine altro attacco del pilota della Red Bull nei confronti di Lewis con contatto. Vettel si immagina il primo posto, ma avviene nessuna rottura e la gara finisce senza colpi di scena.

Hamilton, che porta il casco rosso in onore della scomparsa di Niki Lauda, vince mostrando grande abilità di guida ma non ha nemmeno avuto grossi problemi dagli avversari, più problemi li ha avuti per gestire le gomme che si stavano deteriorando vistosamente. Insomma al Gran Premio di Monaco si sa che i sorpassi sono difficili, ma provarci di più avrebbe accontentato molti spettatori affamati di scene adrenaliniche.

La classifica finale con la vittoria sudata di Hamilton a Monaco è la seguente:

  1. Hamilton
  2. Vettel
  3. Bottas
  4. Verstappen
  5. Gasly
  6. Sainz
  7. Kvyat
  8. Albon
  9. Ricciardo
  10. Grosjean
  11. Norris
  12. Magnussen
  13. Perez
  14. Hulkenberg
  15. Russell
  16. Stroll
  17. Raikkonen
  18. Kubica
  19. Giovinazzi.

Leclerc, dopo un esaltante tentativo di rimonta, si ritira per un incidente tentando il sorpasso di Hulkenberg.

Segui tutte le notizie di Sport

Parte dell'immagine tratta da Quattroruote.it e da Foxsports.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS
Follow by Email
Facebook
Twitter
YouTube
LinkedIn
Instagram