Agli occhi del Papa la tecnologia non è neutrale

In un intervista sull’Osservatore Romano il monsignor Lucio Adrian Ruiz (segretario del Dicastero vaticano per la Comunicazione) spiega perché agli occhi del Papa la tecnologia non è neutrale:

  • il Papa vede la tecnologia come uno strumento utile e che abbiamo la responsabilità di svilupparla. Il punto non è la tecnologia ma l’uso che se ne fa. Anche se concepita in origine a fin di bene potrebbe essere usata per scopi malvagi. Ecco perché agli occhi del Papa la tecnologia non è neutrale .
  • Papa Francesco avverte che all’interno del “modello tecnocratico” la tecnologia viene usata solo dal punto di vista economico, un aspetto molto riduttivo.
  • La tecnologia ha un carattere missionario, perché con essa c’è la possibilità di portare il Vangelo fino agli “estremi confini della terra”, andando incontro a coloro che non hanno la possibilità di riceverlo.
  • La tecnologia è uno strumento meraviglioso per la missione.
  • Nella Laudato si’ il Papa dice che “non si deve cercare di sostituire sempre più il lavoro umano con il progresso tecnologico” prosegue dicendo “così facendo l’umanità danneggerebbe sé stessa”

Segui tutte le notizie di Tecnologia

Parte dell'immagine tratta da supereva.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS
Follow by Email
Facebook
Twitter
YouTube
LinkedIn
Instagram